Paolo Penko

Paolo Penko, Maestro d’Arte Orafa, designer e scultore, fiorentino per nascita, assimila dalla sua città tutto il fascino dell’arte rinascimentale, diventandone un profondo conoscitore ed alla quale si ispirano molte delle sue opere.
Nella sua “bottega”, a pochi passi dal Duomo, coadiuvato dalla moglie Beatrice e dal figlio Alessandro crea gioielli unici, realizzati completamente a mano, secondo le antiche tecniche della tradizione orafa fiorentina.
Lo “stile fiorentino” è la fonte primaria d’ispirazione per le gioie e per gli argenti di Penko, che rimandano alle volute, ai girali, ai fregi, alle piccole geometrie e alle tarsie disegnate dai maestri dell’architettura fiorentina.
Il traforo, l’incisione a bulino, il niello e l’agemina, sono le tecniche magistralmente adoperate dal Maestro Penko nella creazione dei suoi gioielli in oro ma anche nella realizzazione delle opere in argento dove attenzione ai dettagli ed equilibrio delle proporzioni sono elementi peculiari.
Numerose sono le opere realizzate per Santa Maria del Fiore, dal coprimessale all’ostensorio e quelle per la Santa Messa celebrata da Papa Francesco a Firenze nel novembre 2016, come i 40 calici e la Croce per la Mensa Eucaristica.
A Firenze alcune delle sue opere più significative sono entrate a far parte della collezione del Bargello e del Museo degli Argenti di Palazzo Pitti.

Paolo Penko
Via delle Oche 20 – 22 r
50122 Firenze

SITO WEB

I PRODOTTI DELLA BOTTEGA

La bottega

L’ingresso è caratterizzato da un imponente bancone da lavoro con strumenti e attrezzi dal fascino antico. Su questo spicca la riproduzione della formella esagonale di Dedalo (raffigurato da Andrea Pisano nel Campanile di Giotto), personaggio della mitologia greca considerato architetto, scultore e inventore, famoso per avere ideato il famoso labirinto del Minotauro oltre che lo strumento base del volo, le ali. Il fascino antico della location si fonde con le tecnologie moderne: il soffitto a cassettoni scandisce il sistema di illuminazione a led specifica per gioielleria, a risparmio energetico, creando affascinanti giochi di luce. L’arredo in legno sviluppa la visione artistica del Maestro Paolo Penko e, grazie al supporto tecnico degli architetti Carta e Boganiniingloba sia il sistema impiantistico a servizio dei banchi di lavorazione, sia gli avanzati sistemi di sorveglianza e sicurezza. La ristrutturazione dell’ambiente è avvenuta in collaborazione con l’Opera del Duomo, la Sovrintendenza, Confart Multiservice e con il contributo professionale di eccellenze dell’artigianato artistico fiorentino e toscano, come per gli arredi studiati nei minimi particolari: le maniglie e i pomelli personalizzati con logo Penko, il campanello alla porta realizzato con la tecnica del penkato. L’arredo sviluppa la funzione di quinta scenica dove si svolge la vita della bottega: in questo spazio confluisce la visione del nuovo mondo di fare artigianato, sia attraverso la comunicazione multimediale dei monitor touch screen ad uso dei clienti, sia nella realizzazione artigiana dei famosi pezzi unici “Penkati”. La gioielleria ospita altri quattro banchi da lavoro completamente attrezzati per accogliere possibili stages, tirocini, alternanza scuola-lavoro o bottega-scuola.

Gallery